FRAMMENTI

 

Compongo i frammenti di questa notte lunare, morta e senza suono.
Non c’è più il ricordo di un istante di luce, di luce…
Ascolto il battito, sintetico, di un cuore..di un cuore senza più colore.
Non c’è più aria, c’è solo un senso di vuoto..di vuoto

 

Fuggi via, nell’attimo
via con me, via con me…
Fuggi via, nell’attimo
io e te, io e te…

 

Raccolgo i frammenti di questa vita sbiadita, vuota ed indefinita.
Come in un vecchio film, in bianco e nero , ti sento, ti sento…
Nella pellicola, il tuo sguardo si ferma…si ferma senza il mio controllo.
Dentro a un fotogramma, il tuo corpo sbiadisce…svanisce.

 

Fuggi via, nell’attimo
via con me, via con me…
Fuggi via, nell’attimo
io e te, io e te…

 

Dentro te, danzo leggero come il vento dell’est
non c’è più senso.
Nell’esilio della mia mente
lontano da qui, respiro sangue

 

 

Testo di Marco Grazzi, 2011