Sinezamia Official Website

Evoluzione in atto.
Dopo il successo dell’album “La fuga”, i Sinezamia hanno da poco pubblicato due canzoni inedite. “Un sound ancora più robusto rispetto al passato, ma che lascia spazio alle parole senza soffocarle”

1) Il nuovo singolo esce a a non molta distanza dalla pubblicazione dell’album: perché questa scelta, e cosa rappresentano per voi questi due pezzi?
Questo singolo, costituito da due tracce assolutamente inedite intitolate SENZA FIATO e CENERE, vuole semplicemente rappresentare la nostra voglia di fare musica. E sono forse, al momento, i due episodi migliori del nostro nuovo repertorio. Ci sono almeno una quindicina di idee nuove a cui stiamo lavorando, che andranno a fare parte del nostro secondo album di inediti. E’ un periodo molto prolifico sotto il profilo artitisco ed anche dal punto di vista concertistico, nonostante l’album LA FUGA sia uscita un anno e mezzo fa. Riceviamo ancora grandi consensi e recensioni dell’album e quindi ci è sembrato naturale pubblicare questo singolo. E’ importante, secondo me, mantenersi sempre attivi e prolifici sotto il punto di vista discografico. I pezzi hanno un loro significato ed un proseguo con La fuga come tematica ma sicuramente rappresentano una novità nel sound. Come abbiamo scritto nel nostro comunicato stampa ufficiale “Sono solo nella fuga“, probabilmente il grido di dolore dell’uomo moderno, in fuga per trovare la libertà da questo mondo frenetico.
“Chi non ama la solitudine non ama la libertà, perché non si è liberi che essendo soli” diceva Arthur Schopenhauer. Una libertà che cerchiamo di cogliere in volo verso la felicità, che quando è a portata di mano ci lascia senza fiato per lo stupore. È quando il destino ci volta le spalle e la paura ci assale che sentiamo l’incessante bisogno di conforto, non importa di che tipo, in questa esistenza effimera, sfuggente.
Viviamo quotidianamente con la consapevolezza che senza i valori che rendono veramente umano il nostro essere, nel momento del bilancio, ci troveremo tra le mani soltanto della cenere. Ma è proprio dalla cenere che può riprendere vita la fiamma dell’esistenza…”.
Il singolo è stato registrato agli Atomic Stuff Recording Studio di Isorella (Bs) da Oscar Burato tra Agosto e Settembre, sotto la supervisione di Stefano Gottardi. Loro due costituiscono l’etichetta indipendente bresciana Atomic Stuff e ci hanno curato la promozione anche dell’album. E’ nata una bellissima collaborazione ed amicizia, sfociata nella vincita di questo singolo in un contest indetto da loro e che sicuramente proseguirà anche nel futuro. Ma a tutti gli effetti, è sempre una autoproduzione al 100%, come facciamo da sempre.

 

2) Dal punto di vista musicale, come si stà evolvendo il sound dei Sinezamia?

Beh, la migliore risposta che potrei dirti è “Comprate il nostro singolo, venite ai nostri concerti e scoprirete il nuovo sound dei Sinezamia”. E’ una continua evoluzione naturale, sempre più dedita a una ricerca accurata, sia in fase di arrangiamento che stesura dei testi, arrangiamenti e grafica. E’ un sound ancora più robusto rispetto a La fuga, ma che lascia spazio anche alle parole senza soffocarle. Credo che dai due pezzi, possa trasparire un senso di rabbia, energia ed estasi. Tutto questo è sicuramente dato anche dalla consapevolezza raggiunta dei nostri mezzi e capacità e dalle ottime critiche accumulate in questi ultimi 18 mesi (oltre 40 recensioni, diverse interviste radio e cartacee e una 20ina di date in questo 2013 tutte trovate, come sempre, da noi).

 

3) Oramai è difficile etichettarvi in un contesto musicale definito…anche la copertina, risulta essere molto originale ed artistica. Opera vostra anche l’artwork?

La copertina è un’opera del chitarrista Federico Bonazzoli, intitolata “Fiore atroce”. Federico ama dipingere, scrivere poesie, oltre ad essere ovviamente un ottimo chitarrista. Quando ho visto tra i suoi tanti disegni e quadri questo dipinto, sono rimasto folgorato e mi sono detto “Questa sarà la copertina del singolo”. Un’altra parte del quadro invece è sul retro del singolo e sulla serigrafia del cd, stampato come un vecchio 45 giri, tutto nero e con finti solchi vinilici in 200 copie numerate oltre ad essere presente su qualsiasi piattaforme digitale. Dal punto di vista musicale noi stessi non vogliamo più etichettarci in nessun ambito se non che facciamo musica rock, cantata in italiano, con diverse influenze. Non a caso il nostro pubblico è molto eterogeneo. E personalemente, mi diverto più ora a suonare a 26 anni rispetto a quando ne avevo 18.

 

4) Questa estate avete partecipato al prestigioso MASTER OF ROCK in Repubblica Ceca. Cosa vi ha lasciato questa esperienza?

Per noi si è trattata della prima volta all’estero. Una esperienza unica, gratificata ancora più dal fatto che eravamo l’unica band a cantare in Italiano. La risposta del pubblico è stata stupenda, una energia indescrivibile. Basta pensare che mentre suonavamo noi, sull’altro palco suonavano i Moonspell ed artisti come Lordi, The Exploited, The 69 Eyes, Dragonforce. Il pubblico ha apprezzato molto la nostra performance ed anche la mentalità dell’ascoltatore all’estero è davvero l’opposto di quella in Italia. Ci sembrava incredibile essere riconosciuti dopo il concerto ed essere fermati per firmare autografi. A Settembre abbiamo aperto anche a una data a Corte Castiglioni ai Modena City Ramblers, un’altra bellissima esperienza su un altrettanto bellissimo palco.

 

5) Il futuro…cosa riserverà ai Sinezamia?

Il futuro è sempre aimè, sconosciuto a noi. Sicuramente presto rientreremo in studio per un nuovo progetto per cui siamo stati contattati e non possiamo dire nulla di più, se non che, per la prima volta, sarà in lingua inglese.Potrebbe esserci un videoclip nei prossimi mesi, cosa che vogliamo fare e che vogliamo studiare nei minimi dettagli e speriamo, naturalmente, tanti concerti. Il nostro consiglio è di seguire sempre i nostri canali ufficiali, soprattutto il sito ufficiale www.sinezamia.it e la pagina Facebook www.facebook.com/sinezamiaNel frattempo vi consigliamo di ascoltare ed acquistare il nostro singolo SENZA FIATO, per supportare le realtà indipendenti come noi. Il formato cd costa solo 4 euro (meno di un pacchetto di sigarette e non nuoce alla salute) e 1,98 in digitale.