SINEZAMIA Official Website

Archive for the ‘News’ Category

Autunno 2023: è l’ora di svelarci!

Postato il in Comunicati, Home page, News
Nessun Commento
Autunno 2023: è l’ora di svelarci.
Dopo un lungo silenzio, eccoci di nuovo qui.
Diamo il benvenuto a Saverio Coizzi alla batteria e a Luca Losio al basso.
Come già ben sapete, stiamo lavorando a tanto materiale inedito.
E l’anno che verrà sarà il nostro ventennale.
Siete pronti?
news

La band è al lavoro a nuovo materiale inedito

Postato il in Comunicati, News
3 Commenti

La band è al lavoro a nuovo materiale inedito che farà parte di un nuovo lavoro discografico, la cui uscita è prevista per il 2024, anno in cui si celebreranno i 20 anni dalla nascita dei Sinezamia.

Molti i brani composti in questi ultimi 3 anni di silenzio, che ora stanno trovando il loro vestito definitivo in salaprove ed in pre-produzione.

Vestito rigorosamente “nero”, come da tradizione Sinezamia.

Diverse le novità che accompagneranno questo nuovo corso, anche nella formazione.

Presto vi informeremo ed aggiorneremo di tutto.

Per ora, una cosa è importante sapere: i Sinezamia sono qua e non sono mai andati via, pregni di linfa nuova e consapevolezza.

Login • Instagram

Atmosphere – Singolo out 18 Aprile

Postato il in Comunicati, News
Nessun Commento

►”Atmosphere” è la nostra rivisitazione dello storico brano dei Joy Division, registrata nei primi giorni di Aprile da Marco e Carlo Enrico durante questa “quarantena”.

► L’omonimo singolo uscirà il 18 Aprile in tutti i digital store

► L’omonimo Videoclip uscirà sempre il 18 Aprile sul nostro canale Youtube

► Qui di seguito il nostro comunicato ufficiale, che ne spiega il senso ed il significato.

#sinezamia #atmosphere #joydivision #iorestoacasa #quarantinesessions #covid19 #walkinsilence

La situazione di emergenza che stiamo vivendo tutti, forse primo vero momento collettivo a livello globale che ci rende più simili uno rispetto all’altro, ha portato ad offrire un tributo ad una band inglese che ha rappresentato e rappresenta ancora oggi un modello nell’ambito Dark, Post-Punk e New Wave: i Joy Division del compianto Ian Curtis.
La scelta è caduta su Atmosphere, canzone pubblicata nel lontano 1980, probabilmente non la più famosa della band, ma sicuramente la canzone manifesto dell’animo malinconico e solitario di Ian Curtis.
In un momento in cui stiamo tutti riscoprendo la solitudine ed il silenzio che spesso si accompagna, risuona ancora più forte l’incipit della canzone: ‘Walk in silence’. Per noi è generalmente un camminare metaforico, considerando l’impossibilità di uscire ed evadere dalla nostra prigionia quotidiana, necessaria per fronteggiare l’emergenza, anche se suona quasi paradossale la voglia di contatti umani in una società che si basava in modo preponderante sulla smaterializzazione dei rapporti e sulla digitalizzazione della condivisione.
Nessuno meglio dei Joy Division può mostrare questo stato di angoscia, pertanto i Sinezamia hanno pensato di proporre una versione rivisitata ed aggiornata di Atmosphere da parte di Marco Grazzi e Carlo Enrico Scaietta, dove si sono sperimentati ulteriormente sonorità gelide basate su synth e drum machine.
Consigliamo, dopo aver sentito questa re-interpretazione di una canzone storica della scena Dark, di fare un ascolto anche della versione originale; c’è bisogno di buona musica, anche se malinconica, per esorcizzare il presente e fondare il prossimo futuro.

presentazione

On-line videoclip di Fingere di essere

Postato il in Comunicati, News
Nessun Commento

E’ on-line da oggi il videoclip di “Fingere di essere”, title-track del nostro ultimo album edito per Sliptrick records.

“Fingere di essere”, traccia dell’omonimo disco uscito a Giugno per Sliptrick Records, parla dell’impossibilità, in certe situazioni, di apparire come realmente si è, di dimostrare quello che si prova nella realtà, indossando maschere con le persone per non rovinare irrimediabilmente lo status quo di certe situazioni e non rivelare le proprie paure, vivendo talvolta un vero e proprio incubo. Mentire perché alternativa non c’è.
Il video vuole far trasparire la necessità di combattere i propri incubi e vincere le proprie paure. Una ragazza si risveglia in un luogo sconosciuto, accecata ed impaurita cerca una via d’uscita dal suo incubo surreale. Mostri e paure la terrorizzano e la spingono a fuggire. Una volta trovata una via d’uscita, invece di allontanarsi impaurita dai propri incubi, decide di affrontarli rientrando nella “prigione” da cui era appena fuggita per scoprire che, grazie al coraggio e alla determinazione, i demoni che la turbavano hanno perso la forza, trasformandosi in semplici ed inermi manichini.
Il video, che vede come protagonista la modella Anastasia Makowsky, è stato girato e diretto da Saro “Virgo” Torreggiani ed Elia “Manomorta” Finardi di Strongvilla; le riprese si sono svolte presso la suggestiva ex sede Bugatti di Campogalliano (Mo) e l’ArciTom di Mantova.

On-line nuovo singolo “Fingere di essere”

Postato il in Comunicati, News
Nessun Commento

Dall’album: Fingere di essere

Rilasciato da: Sliptrick Records 17.05.19
Formato:  singolo online
Genere:  Hard Rock | Dark | Metal

Scaricalo ora da:  iTunes  e altro
Ascolta  Fingere di essere  su:  Spotify

 

 

 

 

 

 

 

Ciò che vediamo e viviamo è reale? O è il risultato di un sogno?

È un concetto che ha radici profonde nella storia umana, indagato da vari pensatori nel corso dei secoli, in varie forme di scienza e arte. Oggi il dubbio è ancora più marcato, in un’epoca in cui la digitalizzazione e le relazioni virtuali hanno modificato, se non sostituito, le regole della vita sociale. Ciò che viviamo quindi è la realtà o una grande illusione? Fingere di essere domande su questo dubbio, in particolare per quanto riguarda le relazioni umane; non dà risposte perché ciò che diciamo è vero o falso?

“We are like the dreamer who dreams and then lives inside the dream”

Il gruppo hard rock italiano Sinezamia ha pubblicato un singolo dal loro prossimo album, Fingere di essere , che uscirà per la Sliptrick Records l’11 giugno. È la title track con lo stesso nome e forma parte integrante del concept per l’intero lavoro.

Fingere di essere | Rilasciato l’11 giugno 2019 tramite Sliptrick Records

Sinezamia sono:
Marco Beccari – Basso elettrico | Alessandro Conte – Chitarra | Marco Grazzi – Voce | Stefano Morbini – Batteria | Carlo Enrico Scaietta – Tastiere

Link Band:  Sito Ufficiale  | Facebook  | Youtube  | Instagram  | Su Sliptrick

 

 

FINGERE DI ESSERE – Out 11 Giugno 2019

Postato il in Comunicati, News
Nessun Commento

sinez

►”Fingere di essere” è il titolo del nostro nuovo album e vedrà la luce l’11 Giugno 2019 per l’etichetta Sliptrick Records.

►L’omonimo singolo uscirà invece il 17 Maggio 2019 su tutti i digital store.

► Il pre-order del disco è già disponibile al seguente link:
https://deadpulse.com/product/sinezamia-fingere-di-essere-cd-pre-order/

►Tracklist: 01. Verba volant | 02. Miraggi immobili | 03. Fingere di essere | 04. Nel blu | 05. Assenza | 06. Lontano | 07. Respiro il vuoto | 08. Se non provo più | 09. Ora e qui | 10. Pioggia fredda

#sinezamia #fingerediessere #sliptrickrecords#deadpulse

Ciò che vediamo e viviamo è reale? Oppure è il risultato di un sogno?

Si tratta di un concetto che ha radici profonde nella storia dell’uomo, indagato da vari pensatori nel corso dei secoli, in varie forme di scienza ed arte.

Oggi il dubbio è ancora più marcato, in un’epoca in cui la digitalizzazione ed i rapporti virtuali hanno modificato, se non sostituito, le regole della vita sociale.

Quello che viviamo pertanto è la realtà o una grande illusione?

Fingere di essere si interroga su questo quesito, in particolare per quanto riguarda le relazioni umane; non da risposte perché è vero o falso ciò che raccontiamo?

“We are like the dreamer who dreams and then lives inside the dream”.

L’album ha un suono fresco, moderno, con venature ed influenze che spaziano tra generi ed epoche musicali, dai Joy Division ai Black Sabbath e Alice in chains. Il cantato in italiano riporta a sonorità anni 90 dei Timoria.

Il disco, interamente composto ed arrangiato dalla band, nasce da un lungo processo di sperimentazione che ha riguardato suoni e strutture delle canzoni, oltre ad una valutazione delle liriche più idonee, aspetto tutt’altro che secondario nell’immaginario della band. Il processo ha visto infatti la creazione di varie versioni delle canzoni, come testi, linee vocali e soluzioni strumentali, tutti gelosamente conservati ed archiviati durante le session in sala prove.

A completare la produzione l’artwork del disco, estratto da un particolare del Muro di Berlino, in cui visi di persone differenti stanno a rappresentare la molteplicità dell’essere umano e dell’apparenza che si può offrire allo sguardo altrui, ulteriormente rimarcata dalla divisione sociale e fisica che il Muro stesso rappresenta ed ha rappresentato nella storia dell’umanità.

Il singolo Fingere di essere, un unicum del disco come attitudine e sonorità, si accorda ai primi White lies come rivisitazione moderna della new wave.

—————————————————————————————

What we see and live is real? Or is it the result of a dream?

It is a concept that has deep roots in human history, investigated by various thinkers over the centuries, in various forms of science and art.

Today the doubt is even more marked, in an era in which the digitalization and the virtual relationships have modified, if not replaced, the rules of social life.

What we live therefore is reality or a great illusion?

FINGERE DI ESSERE questions on this doubt, especially regarding human relations; it does not give answers because what we tell is true or false?

“We are like the dreamer who dreams and then lives inside the dream”.

The album has a fresh and modern sound, with veins and influences ranging from genres and musical ages, from Joy Division to Black Sabbath and Alice in Chains. On the other hand italian singing brings back to the 90’s sound of Timoria.

The album, entirely composed and arranged by the band, was born from a long process of experimentation that involved sounds and structures of the songs, as well as an evaluation of the most suitable lyrics, not merely a minor issue in the band’s imaginary. The process has seen the creation of various versions of the songs, such as lyrics, vocal lines and instrumental solutions, all jealously preserved and recorded during rehearsal sessions.

To complete the production the artwork of the album, extracted from a detail of Berlin Wall, in which the faces of different people represent the multiplicity of human being and the appearance that can be offered to the gaze of others, further emphasized by the social and physical division that the Wall itself represents and has represented in the history of humanity.

The single Fingere di essere, a unique exemple on the record as far as it concerns for attitude and sonority, accords with early White lies as a modern revisitation of new wave.